Componenti della Scuola e comitato scientifico

EA.jpg

La Scuola è costituita dal corpo insegnante delle università consorziate (professori e corpo intermediario) e dai dottorandi.

Il corpo intermediario e quello professorale partecipano alla Scuola a più livelli: garantiscono una consultazione scientifica al momento della programmazione; orientano il lavoro dei dottorandi in relazione alle proprie competenze specifiche; prendono parte alle attività scientifiche.

Il Comitato scientifico si compone dei professori ordinari e associati delle università che compongono la Scuola. Altri insegnanti e rappresentanti dei dottorandi possono essere invitati a partecipare alle riunioni, e ciascuna università può essere rappresentata da un insegnante (professore ordinario).

L'attuale Comitato scientifico è, dunque, così costituito:

Università di Friburgo

Uberto Motta, p.o., Letteratura italiana

Edoardo Fumagalli, p.a., Letteratura italiana

Christian Genetelli, p.a., Filologia italiana

Università di Ginevra

Giovanni Bardazzi, p.o., Letteratura italiana moderna e contemporanea

Roberto Leporatti, p.o., Letteratura italiana antica

Massimo Danzi, Letteratura italiana

Francesca Serra, Letteratura italiana

Carlo Enrico Roggia, Linguistica italiana

Università di Losanna

Simone Albonico, p.o., Letteratura italiana antica (Direttore della Scuola)

Niccolò Scaffai, p.a., Letteratura italiana moderna e contemporanea

Lorenzo Tomasin, p.o., Storia della lingua

Il Comitato scientifico è affiancato dai membri del corpo intermediario delle tre università, ovvero, attualmente:

Università di Friburgo

Guido Pedrojetta, MA

Università di Losanna

Alberto Roncaccia, MER 1

Gabriele Bucchi, MER 1

Letizia Lala, MER 1

Matteo Pedroni, MER 1

Alla Scuola e al suo Comitato scientifico accederanno i professori che in futuro avranno la responsabilità di questi insegnamenti, o di altri dell'ambito di studi italiani, nelle università membre della CUSO (compresa Neuchâtel).

L'Università di Berna ha scelto di prendere parte a singole attività della Scuola dottorale, pur non cooperando alla loro organizzazione. Analoghe forme di partecipazione e di scambio potranno stabilirsi con le altre sedi universitarie svizzere, in particolare Basilea e Zurigo.

Il Comitato si riunisce almeno una volta l'anno, normalmente in primavera, per discutere e fissare il programma scientifico dell'anno successivo e preparare la richiesta di finanziamento relativa. Ogni università designa un insegnante di riferimento che si incarica di tenersi costantemente in contatto con i colleghi di riferimento delle altre università.

Riguardo all'organizzazione degli incontri, i rapporti tra i dottorandi e la comunicazione (sito internet e altri materiali), anche per ciò che concerne i rapporti amministrativi con la CUSO, il Comitato dispone di un coordinatore, messo a disposizione dalla CUSO.

Il programma delle attività sarà organizzato in base alle esigenze di formazione dei dottorandi e con la partecipazione dei loro rappresentati e sarà realizzato con la collaborazione scientifica e organizzatrice degli iscritti.